Alle sfilate di  Milano Moda Uomo p-e 2015 è andato in scena niente meno che Emporio Armani, la linea più casual di re Giorgio: la passerella e,non poteva essere altrimenti, è stata un trionfo grazie alle presenza dello stilista che ha curato tutto nei minimi dettagli ma anche ad un parterre di tutto rispetto che ha visto la presenza di ospiti illustri come Steven Tyler. Con la collezione Emporio Armani per la primavera-estate 2015 il brand si riconferma unico nel suo genere e nella scelta di linee e design, coerente con i principi della griffe sempre molto attenta ai tagli innovativi, ai tessuti e naturalmente ai colori.

Milano Moda Uomo, il trionfo d’Emporio Armani

La sfilata d’Emporio Armani ha riscontrato un successo coerente con le linee del brand, è stata un continuo crescendo dalle prime uscite alle ultime e ha riconfermato lo stile e il design dello stilista. La primavera 2015 è per Emporio Armani decisamente urbana, espressione di linee e colori in un perfetto grafismo delineato da linee architettoniche ben selezionate. I colori vanno dal nero fino al bianco ottico non tralasciando il grigio definito da linee parallele, incrociate e spezzate. La riga fa da padrona a tutta la collezione  piazzata in orizzontale grazie a tecniche che ne aumentano la consistenza. Le lavorazioni sono applicate ai tessuti naturali come la lana accoppiata al cotone o alla seta, alla pelle e perfino al ponyskin stampato. Le forme sono molto pulite grazie alla scomparsa della cucitura sostituita dalla termosaldatura; anche gli accessori sono ben coordinati e scelti con cura nel pieno rispetto dei trend scelti in tutta la collezione. Un universo quello d’Emporio Armani che farà innamorare, ancora una volta, i buyer d’ogni parte del mondo.

Giorgio Armani critica il look di Matteo Renzi

In occasione della sfilata d’Emporio Armani, re Giorgio non ha risparmiato le sue critiche nei confronti di Matteo Renzi. Lo stilista che del premier ammira lo stile loquace e la determinazione nell’essere riuscito a passare in breve tempo da sindaco di Firenze a Presidente del Consiglio non condivide invece il suo modo di vestirsi definendo le sue camice bianche un ostentazione contro una gioventù superata. In proposito Armani ha dichiarato:

Renzi è adorabile, ma con quella camiciola bianca….non va bene fare del giovanilismo in mezzo ai signori in scuro, cosa vuol provocare? Sì anche Obama resta in camicia ma la porta con la cravatta e ha un tocco un po’ sexy. Lui ha già una mimica da toscano verace, che trovo divertente, ma non deve accentuare questi aspetti, ci vuole un po’ di bilanciamento. Metta la cravatta e indossi meno moda possibile, anche perché lui ora è rotondetto.